Intervista di P.G. Semboloni sul “Milan Approach”